ARCHIFLOP
STORIE DI PROGETTI FINITI MALE

Alessandro Biamonti
24 ORE Cultura192 pagine - 100 illustrazioni25,00 €ISBN 978-88-6648-298-7cartonato21x25 cmIn libreria ad aprile 2016

Una volta uscito dall'impeccabile atmosfera dei computer, dei disegni e dei modelli in 3D, ogni progetto architettonico è inevitabilmente destinato a fare i conti con le logiche del mondo reale. Nella maggior parte dei casi, si tratta di un incontro indolore. Ma a volte qualcosa va storto!
Pubblicato da 24 ORE Cultura, Archiflop. Storie di progetti finiti male raccoglie, divisi per sezioni tematiche, una selezione di circa 25, più o meno noti, fallimenti architettonici disseminati per tutto il mondo.
Dopo aver affrontato il concetto di fallimento e di rovina nella storia culturale della civiltà umana, il volume presenta i progetti falliti in base alla causa del fallimento, che può essere dovuta a previsioni ottimistiche rispetto agli utenti finali del progetto – Pensavamo di essere tantissimi – o a fattori di natura economica – Pensavamo di diventare ricchissimi - o all'impatto estetico surreale, talvolta agghiacciante – Pensavamo non se ne accorgessero – o, ancora, ai luoghi di intrattenimento dove a un certo punto la festa è finita - Pensavamo di divertirci tantissimo.
Infine un ultimo capitolo, Adesso ci pensiamo noi!, è dedicato al progetto di un nuovo scenario urbano che prende spunto da un caso importante di abbandono, la torre Galfa di Milano, edificio spettrale in disuso dal 2006, per la quale viene qui proposta una rifunzionalizzazione in parco urbano verticale.
Schede sui singoli progetti, curate da Silvia Maria Gramegna e Oxana Nosova, box pop-up a cura di Ruggero Biamonti, una ricca documentazione fotografica, una mappa illustrata e un glossario semiserio, che inizia con il termine "abuso edilizio" e termina sintomaticamente con "Tutela paesaggistica", aiutano il lettore a orientarsi tra le città fantasma della Cina, gli ecomostri del sud Italia e i grotteschi residui di luna-park americani.

Fanno parte di questa collana
Consigliati